Come fermare il singhiozzo?

Come curare il singhiozzo

Un pasto troppo pesante, un bicchiere di vino in più e cominciate a singhiozzare senza sosta? Ohmymag vi spiega perché... 

Cause del singhiozzo

Il singhiozzo nasce dall'improvvisa e involontaria contrazione dei muscoli inspiratori seguita dalla chiusura dell'epiglottide, producendo il caratteristico rumore. Esistono tre forme di singhiozzo: singhiozzo benigno (il più comune), che può durare per alcuni minuti, singhiozzo persistente e singhiozzo refrattario che durano più di 48 ore.

Le cause del primo sono più spesso una distorsione dello stomaco (durante un pasto troppo ricco per esempio), aerofagia, rapido cambiamento di temperatura, alcol o fumo. Le altre due forme sono spesso un segno di una malattia sottostante del sistema digestivo o del sistema nervoso.

Leggi anche
Come reagiscono corpo e cervello quando cammini per 30 minuti al giorno

Trattamento del singhiozzo

Molto spesso, il singhiozzo benigno si cura eliminando la sua causa. Ad esempio, se si soffre di singhiozzo dopo ogni pasto abbondante, provate a ridurre le quantità di cibo in modo da non sovraccaricare lo stomaco. Mangiate lentamente e masticate correttamente per evitare l’aerofagia.

Lo stesso vale per alcol e fumo, che devono essere evitati: non c’è niente di meglio di uno stile sano nella vita di tutti i giorni per evitare il singhiozzo. Se il singhiozzo è persistente, solo un medico può trovarne la causa e offrirvi il trattamento più efficace e adatto alla vostra situazione.

I rimedi della nonna contro il singhiozzo

Ci sono più rimedi che possono sembrare un po’ inverosimili che vengono trasmessi di generazione in generazione per fermare il singhiozzo. Che il loro obiettivo sia di distogliere l'attenzione e rilassare la persona che sta singhiozzando, o che abbiano un’effettiva azione sul diaframma, funzionano abbastanza bene.

Il più efficace? Provate a masticare dello zucchero imbevuto di aceto, un rimedio molto utile anche in caso di singhiozzo persistente! Oppure può essere sufficiente bere un bicchiere d'acqua mentre trattenete il respiro o mettete la testa sottosopra. Massaggiate il diaframma per pochi minuti (nella parte inferiore della gabbia toracica) per rilassarlo e fermare il singhiozzo.

Un altro rimedio meno conosciuto? Provate a masticare qualche foglia di dragoncello o del pepe in grani. È delizioso e può far svanire il singhiozzo in pochi secondi! Se siete soggetti al singhiozzo, l’efficacia dell'agopuntura è stata testata: consulta un medico se vuoi provare questo metodo delicato per alleviare il vostro problema. 

• Eleonora Sanna