Ecco perché non dovresti mai buttare l'aglio germogliato

Ecco perché non dovresti mai buttare l'aglio germogliato

L'aglio non manca mai nelle nostre dispense, ma cosa succede quando inizia a germogliare? Ci fa ancora bene? Ti diamo la risposta nel video!

L'aglio è un elemento fondamentale della dieta mediterranea, che però spesso non viene pienamente apprezzato a causa del suo sapore forte, che non piace proprio a tutti. L'aglio però è un vero toccasana per il nostro benessere: i suoi spicchi infatti sono ricchi di proprietà benefiche per la nostra salute interiore ed esteriore. 

Ma se fa così bene perché lo evitiamo tanto? C'è da dire che l'aglio è caratterizzato da un odore molto forte, cosa che lo accomuna ad un altro cibo che unisce e divide l'Italia: la cipolla. Questo odore, che tende a sprigionarsi con il calore, può dare fastidio alle persone con una particolare sensibilità olfattiva. Se a questo uniamo anche al suo sapore, ecco che è facilissimo trovare persone che preferiscono non mangiarlo. 

La storia dell'aglio inoltre è strettamente legata al suo odore caratteristico. Nell'antica Grecia le donne usavano masticarlo in alcuni periodi dell'anno, per rendere agli uomini "meno piacevole" stare vicino a loro. L'odore dell'aglio poi è diventato uno degli elementi fondamentali che hanno caratterizzato questo cibo come adatto a cacciare i vampiri.  

Come mangiare l'aglio 

Dracula a parte, esistono però alcune semplici tecniche che permettono a questo cibo di essere mangiato anche da chi, in genere, preferisce stare alla larga dall'aglio.

Leggi anche
Ecco perché dovresti mettere degli spicchi d'aglio nel terreno

Il primo elemento da sapere è che esistono vari tipi di aglio, diversi per digeribilità, intensità di sapore e benefici. Un tipo di aglio che può essere consumato anche da chi non ama particolarmente il suo caratteristico odore è l'aglio rosso di Sulmona, mentre uno particolarmente adatto a chi ha problemi di digeribilità è l'aglio di Vessalico. Un tipo di aglio sempre più digeribile dell'aglio bianco, ma meno di quello di Vessalico è l'aglio rosa.

Tutte queste tipologie di aglio però hanno una cosa in comune: rischiano di rimanere nelle nostre dispense e germogliare. Cosa fare allora in questa situazione? Dobbiamo buttarlo? Assolutamente no! Scoprite il perché nel nostro video.  

 

Fonte: Ideegreen 

• Lorenzo Vincenti
Continua a leggere