Pit Bull: le più belle foto di questa magnifica razza

Scopriamo insieme il carattere e tutte le cose importanti da sapere per prendersi cura di un Pit Bull.

Il Pit Bull è una razza soggetta a pregiudizi perché per molti questo cane è sinonimo di aggressività. Ma per quale motivo? Questi luoghi comuni sono fondati oppure la verità è un’altra?

I pregiudizi nei confronti del Pit Bull

Il Pit Bull è spesso associato ad aggressività, morsi e combattimenti. In effetti giornali, tg e siti web segnalano spesso fatti di cronaca in cui cani di questa razza aggrediscono le persone. A volte i loro attacchi nei confronti di bambini, anziani e non solo si sono rivelati fatali. E come riporta la cronaca, i Pit Bull finiscono per aggredire anche i loro padroni.

In virtù di questi episodi, questi cani sono spesso oggetto di disprezzo, timore e pregiudizio. Se molti vedono un Pit Bull a spasso con il padrone, tendono a non far socializzare il proprio cane, cucciolo o no, con questo animale e a mantenersi a distanza.

In realtà questo cane è tutt'altro rispetto ai luoghi comuni che girano su di lui.

Le origini del Pit Bull

Originariamente, l'American Pit Bull terrier è nato da un incrocio tra un Bulldog e un Terrier. Lo scopo era quello di creare un cane dalle qualità giocose del Terrier con la muscolatura del Bulldog. Dal momento in cui è apparso nel diciannovesimo secolo, il Pit Bull non ha avuto una vita facile.

Un cane da combattimento?

La parola "pit" significa "arena" e rappresenta proprio la fossa o l’arena destinata ai sanguinosi spettacoli del combattimento contro i tori o tra cani, un passatempo molto popolare in Gran Bretagna nel XVIII e XIX secolo. Il nome della razza Pit bull terrier significa "Bull terrier della Fossa", ossia il principale attore del palcoscenico.

La legislazione severa nei confronti dei Pit Bull

Tra gli anni Ottanta e Novanta, negli Stati Uniti fu persino introdotta una legislazione specifica che proibiva alle famiglie di allevare Pit Bull a causa della loro “natura intrinsecamente aggressiva e pericolosa”. In quegli anni c’erano funzionari pubblici che si aggiravano nelle famiglie per verificare l’applicazione della legge e avevano il compito di prelevare i Pit Bull che vivevano nei focolari domestici, anche se non avevano mai dato alcun segno di pericolosità.

Anche in Italia i Pit Bull furono inseriti per un certo periodo nella lista di razze pericolose per l’uomo. E molti luoghi di villeggiatura che ammettono animali proibiscono alle famiglie di portare questi cani con loro, anche se muniti di guinzaglio e museruola.

Come prendersi cura di un Pit Bull

Il Pit Bull è un cane tenace, indomito e molto coraggioso e fedele al suo padrone. Chi alleva questa razza dovrebbe sterilizzare o castrare il proprio cane e non esercitare mai violenza nei suoi confronti. Il Pit Bull ha bisogno di affetto per dimostrare il suo carattere dolce e tenero, la sua vera natura.

Cane vede il suo cucciolo cadere in piscina: ecco la sua reazione
Leggi anche
Cane vede il suo cucciolo cadere in piscina: ecco la sua reazione

Sfoglia la galleria qui sopra per vedere le foto più belle del Pit Bull!

Di Eleonora Sanna
Modificato
La Sindrome di Down colpisce anche gli animali? Questi 15 cuccioli sono adorabili! Giudicate voi stessi!La Sindrome di Down colpisce anche gli animali? Questi 15 cuccioli sono adorabili! Giudicate voi stessi!

Nessuna connessione
Verificare i parametri