5 buoni propositi per il 2019: come iniziare l'anno alla grande

5 buoni propositi per il 2019: come iniziare l'anno alla grande

I buoni propositi per il 2019 potrebbero somigliare tanto a quelli del 2018, ma non per questo bisogna smettere di crederci!

Basta rimandare: il 2019 è l’anno giusto per fare tutto quello che avete sempre sognato. Il segreto, come sempre, è crederci abbastanza! Il programma di Capodanno è deciso e il nuovo anno è alle porte. Tutto sembra pronto per iniziare al meglio il 2019, ma non si può davvero ricominciare senza il giusto atteggiamento.

In questo articolo abbiamo deciso di farvi un elenco onesto e spassionato di alcuni dei buoni propositi per l’anno nuovo, nella speranza di darvi la spinta nella giusta direzione.

Elimina il superfluo

Basterebbe una passeggiata in mezzo alla natura, fermarsi un momento ad ascoltare, spogliarsi del superfluo e comprendere che non occorre poi molto per vivere bene” – lo ha detto il noto scrittore Mario Rigoni Stern. Nell'epoca di internet e del fast fashion, del fast food e, anche se è tutto fast, del tempo che non basta mai, il segreto – a volte – è saper dire no. Anche quando un oggetto ci sembra indispensabile, lasciamo passare un po’ di tempo prima di comprarlo e lasciamo che sia il giudizio a decidere, e non l’impulso del momento!

Lasciamo da parte tutto quello che non ci serve e mettiamo nel nostro armadio – ma anche nella nostra agenda – solo le cose strettamente necessarie a stare bene, senza esagerare. Solo così potremo ricominciare ad apprezzare quello che abbiamo, nella sua semplicità.

Fissati un numero minimo di libri da leggere

Che sia 3, 5, 10 o 100, non ha importanza: fare spazio per i libri è una decisione importante e personale, e nessuno può dirvi qual è il numero giusto di romanzi, o saggi, che dovrete leggere per superare con successo il vostro 2019. L’importante, come sempre, è gettarsi a capofitto tra le pagine del nostro autore preferito, e vivere cento vite differenti grazie alle parole sulla carta.

Basta con le lamentele!

Lo sport internazionale del “sollevatore di polemiche” è forse uno dei più sopravvalutati al mondo. Lamentarsi è facile, ci dà l’impressione di esserci sfogate e – soprattutto – è gratis. Incredibile ma vero, il tempo che spendiamo a lamentarci potrebbe invece essere trascorso in modo più piacevole e concretamente più rilassante. Una lamentela dà origine a nuove polemiche, e a nessuno piace ascoltare una persona che trascorre buona parte del suo tempo a lamentarsi di qualcosa. Il nostro suggerimento, dunque, è: se puoi cambiarlo, fallo e non lamentartene. Se invece non puoi farci niente, è meglio andare oltre e puntare a un nuovo obiettivo.

Smettere di lamentarsi non è semplice: cominciamo per gradi, magari stabilendo una settimana in cui, qualsiasi cosa accada, non ci lasceremo prendere dalla facile soluzione di una polemica.

Stop all’autocritica

Qualcuno potrebbe avervi detto che l’autocritica è il modo migliore per migliorare se stessi, ma questo modo di dire era forse valido tanti anni fa, ai tempi in cui è nato. In questo 2019 siamo letteralmente bombardati di informazioni su come vestirci per il nostro corpo, come truccarci per la forma del nostro viso, come abbinare gli abiti e come cucinare, come vivere, cosa è trendy e cosa è passato di moda. Il regalo più grande che possiamo fare a noi stesse in un periodo così è quello di darci tregua: scegliamo gli abiti che ci piacciono, abbiniamo i colori che ci rendono felici e, soprattutto, mettiamo una pietra su tutto quello che non possiamo essere.

Leggi anche
Questa ereditiera si è sposata con un abito da 800.000 euro

Criticarsi per ciò che si è non è produttivo, e soprattutto non risolve i problemi. Ancora meno produttivo è criticare se stesse per qualcosa che ormai è già passato e che non può essere cambiato: ormai è andata, sarà per la prossima volta!

Svegliarsi prima la mattina

Ci sarebbero tante cose da dire sui buoni propositi per l’anno nuovo: iscriviti in palestra, fai ginnastica, bevi di più, mangia più sano; tutte cose che già sappiamo bene di dover fare. Il nostro ultimo consiglio è quello di andare a letto presto la sera e svegliarsi almeno 30 minuti prima la mattina. In questo modo non solo avremo tempo per fare colazione e prepararci, ma ci sentiremo anche più energiche e in forma quando sarà ora di mettersi in moto. Il mattino ha davvero l’oro in bocca: basta una sveglia serena, senza l’ansia di dover fare tutto di corsa, per iniziare la giornata col piede giusto!

Eleonora Sanna
Nessuna connessione
Verificare i parametri