Sapevi che il più grande parco agroalimentare del mondo è in Italia?

Sapevi che il più grande parco agroalimentare del mondo è in Italia?

Manca poco. A giorni assisteremo all'apertura del più grande parco agroalimentare al mondo, il Fico Eataly World. Fico aprirà le porte alla stampa questo 15 novembre, e all'inaugurazione sarà presente anche il premier Paolo Gentiloni.

L'acronimo sta per Fabbrica Italiana Contadina ed è il più grande parco agroalimentare al mondo: Fico Eately World sarà inaugurato il 15 novembre, con lo scopo di far conoscere al mondo l'importanza dal Made in Italy. 

"A FICO, i bambini e i giovani di tutto il mondo potranno capire l'immenso patrimonio della nostra nazione. È una vera e propria scuola italiana dell'agroalimentare che punta ad accrescere la cultura legata al cibo e a far nascere il sentimento di orgoglio nelle nuove generazioni, un posto di contrasti ma anche di collaborazione tra piccole e grandi imprese italiane d'eccellenza", afferma Oscar Farinetti, Fondatore di Eataly.

Il parco tematico è strutturato su 2 ettari di campi e stalle con più di 200 animali e 2000 cultivar. Si può visitare il parco sia a piedi che in bicicletta e l'itinerario può essere libero o assistito da Ambasciatori della Biodiversità italiana. Il tutto comprende 40 fabbriche contadine dove si può vedere la produzione di carni, pesce, formaggi, pasta, olio, dolci, birra...

È possibile "farsi un giro" sulle 6 "giostre educative", visitare teatri e spazi didattici per divertirsi e imparare allo stesso tempo.

Lo scopo di questo parco è quello di raccontare al mondo l'eccellenza enogastronomica e la bellezza agroalimentare italiana.

Leggi anche
Ecco i cibi più pericolosi del mondo: tra questi c'è anche un formaggio italiano

Il progetto, è partito quattro anni fa in piena crisi economica ed è stato avviato da poco più di un anno. "Fico Eataly World – ha dichiarato l’amministratore delegato, Tiziana Primori – vuole essere un modello anche per il mondo del lavoro perché occupa circa 700 addetti, in buona parte giovani, che diventano quasi tremila con l’indotto. È una piattaforma imprenditoriale che unisce Nord e Sud Italia, piccole e grandi imprese per promuovere il made in Italy nel mondo a beneficio di tutto il Paese"

L'ingresso al parco sarà completamente gratuito e l'obiettivo è quello di attirare milioni di visitatori e creare numerosi posti di lavoro, oltre che veicolare, attraverso le l’attività di formazione e promozione culturale, i valori legati al cibo e alla Dieta Mediterranea.

 

Eleonora Sanna
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri