Il cioccolato potrebbe sparire dalla faccia della terra
Il cioccolato potrebbe sparire dalla faccia della terra
Il cioccolato potrebbe sparire dalla faccia della terra
Continua a leggere

Il cioccolato potrebbe sparire dalla faccia della terra

Di Eleonora Sanna
Modificato

La fine del cioccolato è vicina! Secondo uno studio della National Oceanic and Atmospheric Administration, il riscaldamento globale potrebbe provocare la scomparsa del cacao entro 30 anni.

E se un giorno fosse impossibile trovare conforto nella Nutella o nei Ferrero Rocher? È quanto prevede entro i prossimi 30 anni la National Oceanic and Atmospheric Administration. Il motivo? Gli alberi di cacao crescono soltanto in una zona geografica specifica: 10 gradi a sud e a nord dell’Equatore, con una temperatura stabile, un notevole tasso di umidità, piogge abbondanti e il suolo ricco d’azoto, in un ambiente protetto dal vento. Si tratta del clima della foresta tropicale. Ecco perché i tre principali Paesi produttori di cacao sono l'Indonesia, la Costa d'Avorio e il Ghana. I due Paesi africani producono oltre la metà della domanda mondiale.

La causa della (futura) scomparsa del cacao è nota: si tratta del riscaldamento globale. Secondo il rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che studia i cambiamenti climatici, l’attuale tasso di surriscaldamento porterebbe a un aumento della temperatura media del pianeta di 2,1° entro il 2050, che provocherebbe la morte degli alberi di cacao e la fine della produzione di cioccolato.

Il problema non è il riscaldamento stesso, bensì le sue conseguenze: una notevole evaporazione delle acque delle zone tropicali con la conseguente riduzione dell'acqua nel suolo, necessaria al nutrimento delle piante e alla crescita delle fave di cacao. A ciò si aggiunge la siccità. Così verrebbero a mancare le condizioni che consentono agli alberi di cacao di prosperare e il risultato sarebbe la fine inevitabile della coltura.

Esistono alcune soluzioni

Per continuare la produzione di fave di cacao in Ghana, bisognerebbe ripiantare gli alberi su terreni collinari, che sarebbero colpiti in misura minore dal riscaldamento globale. Tuttavia, si tratta di aree in cui è vietato coltivare e bisognerà scegliere se preservare l'habitat naturale della flora e della fauna locale oppure rinunciare al cioccolato. Inquietante, vero?


Nessuna connessione
Verificare i parametri