La famosa dieta Lemme, tutti i segreti per dimagrire

Dieta Lemme, i segreti per dimagrire

Uno dei regimi alimentari di cui si è più parlato negli ultimi tempi è la dieta Lemme, molto apprezzata ma altrettanto criticato, conosciamone i segreti.

La dieta Lemme è una di quelle più chiacchierate, ne abbiamo sentito tanto parlare in differenti trasmissioni televisive e quindi l’eco mediatica che ha avuto e ancora ha è di grande impatto. Proprio per questo motivo, oltre ad una schiera molto folta di sostenitori, che ne hanno tratto parecchi benefici, mostra anche un gruppo di critici che tende spesso a sottolinearne aspetti negativi e svantaggi.

Non dimentichiamo però che si tratta di un regime molto valido per perdere peso, sperimentato da migliaia di persone che lo possono confermare. Il suo ideatore, da cui la dieta ha preso il nome, è il noto farmacista Alberico Lemme, che propone questo metodo alternativo e innovativo per dimagrire.

Possiamo definire la dieta Lemme come una vera e propria filosofia alimentare, che si basa esclusivamente sol consumo di proteine e carboidrati, eliminando completamente la frutta e la verdura, che per molti sono invece ottimi in caso si vogliano eliminare i kg di troppo. Cose assolutamente vietate da assumere, come in molti altri regimi alimentari restrittivi, sono il sale e ogni tipologia di dolce.

Come funziona la dieta Lemme

Per andare a vedere nello specifico come funziona questo tipo di regime alimentare, la prima cosa da sapere è che la dieta Lemme si divide in due fasi differenti, la prima è quella che serve a perdere peso fino a raggiungere la forma tanto desiderata, la seconda invece dura tre mesi e prevede di consolidare il peso che si è raggiunto, senza rischiare di ingrassare e tornare alla situazione originaria. Nella dieta Lemme si deve fare particolarmente attenzione all'indice glicemico dei cibi ma anche agli orari precisi in cui si consumano i pasti.

Il menù

Andiamo a vedere nel dettaglio cosa bisogna consumare e a che ora, se vogliamo seguire alla lettera la nota dieta Lemme. Partiamo innanzitutto dagli orari, fondamentali per questa filosofia alimentare. La colazione non deve essere assunta dopo le 9.30, il pranzo deve essere consumato tra le 12 e le 14 e la cena tra le 19 e le 21. Nella mattinata, tra le 10 e le 11, e nel pomeriggio, tra le 16 e le 17, è previsto uno spuntino leggero, che prevede un tè con degli spicchi di limone.

Leggi anche
Ecco i cibi più pericolosi del mondo: tra questi c'è anche un formaggio italiano

Per quanto riguarda invece i cibi da consumare, abbiamo già detto che la pasta, la carne e in pesce si possono assumere in quantità. Non sono importanti le dosi perché la dieta Lemme tiene in considerazione il valore biologico del cibo. La frutta e la verdura sono completamente escluse dal regime alimentare in questione e i grassi e le proteine invece sono i privilegiati.

È importante fare attenzione però a consumare la pasta solo al mattino, per una migliore assimilazione e quindi uno smaltimento più veloce dei carboidrati, e invece per il pranzo e per la cena si deve optare per carne e pesce. Gli alimenti da consumare sono molto ripetitivi; si tratta di una di quelle diete difficili da seguire con costanza perché monotona, ma che riesce a dare ottimi risultati comprovati.

 

Eleonora Sanna
Nessuna connessione
Verificare i parametri