Baffi del gatto: a cosa servono e come funzionano le vibrisse

Baffi del gatto: a cosa servono e come funzionano le vibrisse

I baffi sono uno degli elementi emblematici dei gatti. Lunghissimi o corti, dritti e arricciati, sono un vero e proprio organo sensoriale. Scopriamo insieme a cosa servono, come funzionano e tutti i segreti che nascondono.

Le vibrisse, dette anche peli tattili o peli del fiuto, altro non sono che peli più spessi e con radici più profonde. Sono direttamente collegate al sistema nervoso del felino.

Di norma, i gatti hanno 12 baffi per ogni lato muso, 24 in totale, ma è un numero indicativo. Le vibrisse sono presenti anche sopra gli occhi e sugli arti anteriori.

Generalmente disposte su quattro file indipendenti tra di loro, sono come delle piccole antenne molto sensibili.

A cosa servono i baffi del gatto?

Permettono ai gatti di percepire informazioni sull'ambiente che li circonda come la temperatura, gli spostamenti d'aria, la distanza e la dimensione degli oggetti. Sono un organo sensoriale vero e proprio.

Ad esempio permettono loro di trovare la strada al buio, muoversi agilmente calcolando le distanze e, ultimo ma non ultimo, di mantenersi in equilibrio. Ovviamente, sono indispensabili durante la caccia.

Leggi anche
Mentre dorme con la mamma questo gattino ha una reazione buffissima

Come funzionano i baffi del gatto? 

Il nome vibrisse ci viene in aiuto per la comprensione del loro funzionamento. I baffi infatti vibrano ed è proprio in questo modo che consentono ai gatti di percepire informazioni e registrarle. Sono una sorta di guida implicita per il felino che grazie a loro sa come muoversi e come comportarsi.

I baffi manifestano le emozioni del gatto

I baffi quindi oltre a guidare il gatto negli spostamenti e nella caccia, rivelano anche lo stato d'animo del nostro felino.

Insieme alla posizione di orecchie e coda, miagolii e soffi, anche i baffi indicano chiaramente l'umore del gatto.

Se i baffi sono rilassati, non c’è niente da temere, il micio è sereno e a suo agio. Se li punta in avanti è in allerta, ha sentito o visto qualcosa che non gli piace. Al contrario, se li tiene all'indietro è arrabbiato o ha paura.

Interpretando al meglio le sue emozioni saremo in grado di adeguare il nostro comportamento per non peggiorare le cose. 

E se cadono?

Le vibrisse possono cadere ma non c'è da preoccuparsi. Ne cresceranno di nuove per sostituire quelle mancanti. Si tratta del normale ciclo di crescita e caduta dei peli.

Infine, è molto importante ricordarsi che non bisogna mai tagliare i baffi al nostro gatto in quanto, come abbiamo visto, sono veramente essenziali per lui.

• Eleonora Sanna
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri