Le bugie dello studio che elogiava la crema Lidl come la migliore sul mercato

Le bugie dello studio che elogiava la crema Lidl come la migliore sul mercato

La classifica delle migliori creme idratanti dell’Organizzazione Consumatori e Utenti dava il primo posto a una crema low cost Lidl. Questa valutazione ha generato molti dubbi tra gli esperti del mondo della cosmetica che hanno svelato i dettagli poco chiari di questo ranking.

La crema antirughe Q10 Cien della Lidl non sarebbe il primo prodotto low cost per la cura della pelle. Alcune creme idratanti come la crema anti-età del supermercato spagnolo Mercadona sono diventate famose per il loro rapporto qualità prezzo. La crema Sisbela che Mercadona vende a 5 euro avrebbe le stesse proprietà del trattamento Revitalizing della marca Alain.

Ma si tratta di un’eccezione. Come spendi mangi, e anche se non sempre i prodotti più costosi sono i migliori, il caso della classifica della OCU era troppo eclatante e ha generato molti dubbi. Chi poteva sapere che la crema di un supermercato avrebbe superato le creme dermatologicamente testate in laboratorio?

Dopo aver analizzato creme idratanti di diverse marche, dal lusso di Vichy o Clarins alla crema Q10 Cien del supermercato Lidl, la OCU ha dato il primo posto proprio a quest’ultima. Il ranking pubblicato dalla OCU ha portato le vendite alle stelle nel supermercato tedesco.

L’Organizzazione si sarebbe basata su uno studio realizzato dal laboratorio tedesco, ma alcuni rappresentanti del laboratorio hanno smentito che questa fosse la loro conclusione.

Una classifica incerta

La classifica della OCU ha generato molti dubbi tra i professionisti della cosmetica. Anche Stanpa che unisce ben 400 aziende del settore ha dubitato del risultato pubblicamente.

Paola Gugliotta, fondatrice della marca di cosmetici Sepai, ha analizzato lo studio e ha concluso che il ranking della OCU non è stato basato su un test scientifico. La classifica è stata formulata con criteri soggettivi che la OCU ha ricavato da domande poste ai consumatori, come ad esempio la consistenza del prodotto, il profumo e la confezione.

Per quanto riguarda le proprietà idratanti, tutte le creme analizzate hanno un’efficacia molto simile. Creme come quella di Vichy hanno risultati migliori rispetto alla crema Lidl da 2,99 euro.

Non solo la crema Q10 Cien della Lidl non sarebbe migliore delle altre creme idratanti sul mercato, ma secondo gli scienziati la crema contiene parabeni, sostanze nocive che possono alterare l’equilibrio ormonale.

Incongruenze della OCU

Un’incongruenza presentata dallo studio è che sono state analizzate 49 creme vendute in Europa, da creme a basso costo di supermercati come Mercadona o Lidl fino a creme di alto rango. Tuttavia, il comunicato finale della OCU esclude alcune creme senza dare alcuna spiegazione, tra esse quella di Mercadona.

Un altro aspetto che genera dubbi è il diverso punteggio che la OCU ha attribuito alla stessa crema in base al paese di vendita. Ad esempio, la crema La Roche Posay ha ottenuto 63 punti in Spagna e 62 punti in Belgio.

Il laboratorio se ne tira fuori

La classifica delle migliori creme idratanti della OCU si basava teoricamente su uno studio realizzato nel laboratorio tedesco Institute Doctor Schareder.

Leggi anche
Questa ereditiera si è sposata con un abito da 800.000 euro

Il caso è ora in tribunale e lo scorso 12 marzo il rappresentante del laboratorio, Mathias Rohr, ha negato davanti al giudice di aver affermato che la crema Lidl sarebbe la migliore sul mercato superando altre marche di prodotti cosmetici. Ha affermato che nessuna crema analizzata aveva ottenuto un punteggio di molto superiore rispetto alle altre in quanto a proprietà idratanti.

Le prove per stabilire la qualità delle creme sono state realizzate in Germania per conto dell’azienda londinese Consumer Report Test, contattata dalla OCU per portare a termine lo studio.

Eleonora Sanna
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri