Dorme per 6 mesi di seguito: è affetta dalla sindrome della bella addormentata
Dorme per 6 mesi di seguito: è affetta dalla sindrome della bella addormentata
Dorme per 6 mesi di seguito: è affetta dalla sindrome della bella addormentata
Continua a leggere

Dorme per 6 mesi di seguito: è affetta dalla sindrome della bella addormentata

Di Eleonora Sanna

La sindrome di Kleine-Levin (KLS), o anche sindrome della bella addormentata, è una malattia neurologica caratterizzata da episodi di sonno lunghissimi associati a disturbi cognitivi e comportamentali. Interessa circa 2 milioni di persone nel mondo, una di queste è Beth Goodier.

Questa 17enne un pomeriggio si è addormentata sul divano e ha continuato a dormire per sei mesi, 22 ore al giorno, svegliandosi solo per mangiare, bere ed andare in bagno.

Sembra assurdo ma Beth è realmente malata. Riesce ad alzarsi molto difficilmente, esce poco di casa e quando lo fa deve spostarsi su una sedia a rotelle perché è troppo stanca per camminare. Quando si sveglia inoltre non ha alcuna memoria né della malattia né del tempo trascorso addormentata.

Eccessivo sonno

Un’altra patologia simile a quella della bella addormentata è la narcolessia. Nello sviluppo di questa malattia giocano un ruolo le alterazioni dei geni e fattori ambientali come: infezioni da streptococco, influenza, presenza di insetticidi e pesticidi nell’ambiente ed esposizione al contatto con metalli pesanti.

La narcolessia è caratterizzata dalla presenza di quattro sintomi caratteristici: l’eccessiva sonnolenza durante il giorno, la cataplessia, le allucinazioni ipnagogiche e la paralisi del sonno. Per quanto riguarda il primo va chiarito che si tratta di di un’irresistibile necessità di dormire che si manifesta in media ogni due ore per tutta la giornata. Il secondo è quel fenomeno per il quale al soggetto narcolettico a causa di forti emozioni vengono a mancare le forze fino a non poter più rimanere in piedi. Il terzo consiste in sogni che si sovrappongono alla realtà che l’individuo sta vivendo. Infine il quarto fa sì che mentre il narcolettico si addormenta o quando si sveglia può presentare una perdita di funzione dei muscoli.

Scopri nel video qui sopra la triste storia di Beth!

Fonte: Al femminile


En plus
Nessuna connessione
Verificare i parametri