Orangotango truccato e vestito da donna per abusarne in un bordello in Indonesia

Orangotango truccato e vestito da donna per abusarne in un bordello in Indonesia

L'orangotango Pony ha vissuto un vero incubo per anni. È stata sfruttata dai proprietari di un bordello in Borneo per soddisfarne i clienti. A causa del grande successo, i malfattori si sono rifiutati di liberarla, finché non è intervenuta la polizia. Nell'articolo i dettagli della triste storia.

Pony è stata maltrattata e torturata per anni in un bordello del Borneo, in Indonesia. Era stata separata appena nata dalla madre e veniva incatenata e costretta a "prostituirsi". I proprietari la usavano come attrattiva per i loro affari e la tenevano legata perché restasse disponibile. Sfruttavano l'animale sessualmente per guadagnare denaro, ma il peggio è che l'orangotango era ormai diventata un'attrazione per gli abitanti del luogo. 

L'orangotango ha dovuto sopportare anni di abusi fisici e psicologici. La torturavano, servendosene per soddisfare i clienti ed era costantemente sottomessa a rigorosi trattamenti di bellezza.

Vestita e truccata da donna per soddisfare i clienti 

La vestivano con indumenti femminili, la depilavano, le mettevano persino profumo e gioielli per accontentare la clientela. Molti abitanti locali, soprattutto contadini, incoraggiavano l'abuso.

Sono trascorsi 15 anni da quando Pony è stata liberata dalla schiavitù. È stato necessario l'intervento di ben 35 poliziotti per liberarla, poiché i proprietari del bordello si rifiutavano di consegnarla e minacciavano gli agenti con coltelli e armi. L'orangotango ha impiegato 10 anni per riprendersi dalle conseguenze della dura esperienza, ma sta bene. Ora, vive in cattività nel Centro di Riabilitazione Nyaru Menteng, insieme ad altri oranghi. 

Ti diamo tutti i dettagli sulla vicenda nel video. 

• Paola Gentile
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri