5 migliori sostituti del pane per non soffrire durante la dieta

5 migliori sostituti del pane per non soffrire durante la dieta

 Come resistere al desiderio del pane e mantenere un regime alimentare sano? Ti sveliamo 5 sostituti che puoi mangiare al posto del pane durante la dieta.

Caramelle, biscotti, dolci ma, soprattutto pane: è difficile farne a meno. Nonostante sia chiaro a tutti che gli alimenti ricchi di carboidrati semplici (che, quindi, contengono zuccheri semplici o aggiunti durante la conservazione o la preparazione), sono ricchi di calorie e non giovano a chi desidera tornare in linea. 

Dopo un iniziale sprint di energia, non diminuiscono il senso di fame, anzi, non riescono ad apportare alcun beneficio in termini di power up per vivere la propria quotidianità. Secondo gli esperti, i carboidrati sono necessari per la propria dieta, ma con moderazione, in modo da non ottenere l’effetto contrario ed intaccare lo stato di salute. 

Quando decidiamo di mettere da parte il pane bianco, la pasta bianca ed i dolci, il nostro corpo subisce dei cambiamenti positivi, infatti si inizieranno a bruciare grassi, riducendo le calorie assunte giornalmente, sarà più semplice ottenere una pancia più sgonfia e si ridurrà il rischio di diabete.

Purtroppo, però, come la maggior parte dei cibi “da evitare”, il pane è un alimento dal sapore ottimo, contorno immancabile per la maggior parte dei pasti e, spesso, irrinunciabile. Esistono, però, cinque valide e gustose alternative, in modo da poter limitare il consumo e variare con alimenti salutari ed altrettanto buoni.

- Il pane di Ezechiele

È uno dei pani più salutari esistenti attualmentein commercio. Composto da diversi tipi di cereali e legumi tra cui grano, miglio, orzo, farro e soia, è una ricetta semplice da preparare velocemente anche in casa. I grani contenuti sono germogliati, quindi contengono quantità più basse di nutrienti nocivi che lo rendono anche facilmente digeribile. Non contiene zuccheri aggiunti, quindi è perfetto per i diabetici o gli insuilnoresistenti, però non è adatto ai celiaci. 

- Tortillas di mais

Ottime per realizzare gustosi sandwiches, hamburger, pizze o, semplicemente, perfetti per accompagnare i piatti di verdure, sono semplicissime da realizzare in totale autonomia grazie ai suoi due ingredienti: acqua e masa Harina, una farina messicana facilmente acquistabile nei reparti etnici dei supermercati. Al contrario del Pane di Ezechiele, le tortillas sono ideali per gli intolleranti al glutine e adatti a tutti, grazie all'apporto di energia e di fibre. 

- Pane di segale

Il cosiddetto “pane scuro”, composto da una tipologia di grano che gli conferisce un sapore molto più deciso. È, tra le alternative salutari al pane bianco, quello che si trova più comunemente nei supermercati e nelle panetterie. Ottimo per realizzare gustosi crostini o da mangiare a cubetti nelle vellutate, consente di mantenere un livello dello zucchero nel sangue più basso rispetto agli altri. 

A causa della presenza del glutine, però, non è una alternativa adatta agli intolleranti ed ai celiaci.

- Pane tostato di zucca

Una fantastica ricetta per ottenere un pane (o una piadina) senza cereali, appetitosa e poliedrica. Può essere impiegato, infatti, nella realizzazione di pizze, panini e focacce, grazie al sapore leggero e facilmente abbinabile a qualunque alimento. 

Leggi anche
Pane raffermo? Ecco il trucco per farlo tornare come appena sfornato
- Lattuga

Quest’ultima non è una vera e propria alternativa al pane, però, le verdure a foglia verde sono validi sostituti grazie alla loro versatilità. Infatti, lattuga o lattuga romana vengono spesso impiegate per realizzare semplici involtini e saccottini ripieni, in quanto sono poco caloriche ed estremamente fresche. 

In sostanza, fare pasti equilibrati è fondamentale per dimagrire bene ed in armonia, così come è importante selezionare i giusti alimenti che contribuiscano all'ottenimento del risultato in maniera corretta. Ancor più importane è ritagliarsi, comunque, il giusto tempo per mangiare, masticando piano per rendere più semplice la digestione, contribuendo alla riduzione del senso di sazietà. 

• Lorenzo Vincenti