Yogurt, perché scegliere quello greco

Yogurt, perché scegliere quello greco

Negli ultimi anni lo yogurt greco è diventato uno degli alimenti di maggiore successo, vediamo quali sono le sue proprietà e i benefici che apporta.

Lo yogurt greco, che fino a pochi anni fa era quasi sconosciuto in Italia, oggi invece sta ottenendo uno strepitoso successo ed è sempre più scelto e consumato dagli italiani. È uno yogurt a tutti gli effetti, che ha solo alcune caratteristiche differenti rispetto a quello tradizionale, come la consistenza e il sapore. Vediamo le differenze sostanziali.

Yogurt tradizionale, di cosa si tratta

Lo yogurt che tutti conosciamo e che la maggior parte di noi consuma da sempre è un prodotto che si ottiene dalla lavorazione del latte animale o di origine vegetale. Deriva dalla fermentazione degli zuccheri e se vi entrano alcuni batteri, che nella produzione industriale vengono aggiunti di proposito, scindono il lattosio nelle due unità base, galattosio e glucosio, e poi consumano il galattosio formando l’acido lattico. È quest’ultimo che acidifica il prodotto, eliminando altri batteri e dando la possibilità allo yogurt di conservarsi più a lungo. Per questo lo yogurt è più acido rispetto al latte da cui deriva.

Lo yogurt a cui noi siamo abituati e che troviamo al supermercato non è acido e infatti non è il vero yogurt. Il marketing degli anni Ottanta continua a farci credere ancora oggi che lo è, ma invece nei banchi frigo troviamo quello con aggiunta di zucchero o di panna, per renderlo appetibile. Il vero yogurt oggi si trova solo al caseificio e, mangiandolo, si sente eccome la differenza.

Yogurt greco, com'è fatto

Andiamo finalmente a parlare del tanto amato yogurt greco, che a dire la verità poi nemmeno è greco ma bulgaro. E oltretutto il Paese di maggior produzione sono gli Stati Uniti, non vi sembrerà vero ma è proprio così. Il nome è solo una scelta commerciale. In realtà la differenza tra il vero yogurt tradizionale e lo yogurt greco non è moltissima, anzi il gusto è pressoché lo stesso. La produzione delle due tipologie è molto simile, il latte di partenza è lo stesso, a un certo punto, in entrambi i casi, si passa al filtraggio e si separa la parte liquida da quella solida.

Quello che contraddistingue lo yogurt greco da quello tradizionale è il numero di questi filtraggi, nel primo sono tre, nel tradizionale sono due. L’ultima operazione è lentissima, più si va avanti infatti più si fa fatica a estrarre il liquido e questo comporta le differenze sostanziali. Il liquido filtrato e buttato contiene quasi tutto il sodio e il lattosio, per questo motivo lo yogurt greco viene consigliato a chi segue una dieta iposodica e anche a chi è intollerante al lattosio. Inoltre contiene più proteine, più nutrienti e più grassi.

Leggi anche
Ecco i cibi più pericolosi del mondo: tra questi c'è anche un formaggio italiano

È vero però che, a livello industriale, è stato creato un processo che raffina ulteriormente lo yogurt greco, creando la versione light, che ha solo il 3% di grassi. Rispetto allo yogurt tradizionale vero, quello greco contiene molti meno zuccheri e quindi è meno dolce.

Se ti stai chiedendo, a questo punto, se lo yogurt greco apporta più benefici rispetto a quello tradizionale, allora possiamo dire semplicemente che è più nutriente, contiene più proteine e meno zuccheri e una quantità minore di sodio. I benefici non sono molti, invece vediamo una grande differenza in cucina, dove lo yogurt greco viene usato molto in accostamento a piatti salati proprio per il suo sapore.

Eleonora Sanna
Nessuna connessione
Verificare i parametri